Allergia allo sperma: sapevate della sua esistenza? Come si presenta e che cosa si può fare

Allergia allo sperma: sapevate della sua esistenza?

Giovanna Benessere Leave a Comment

Allergia allo sperma: sapevate della sua esistenza? Bruciore, prurito, rossori, gonfiore e fastidio… vi è mai capitato di provarli poco dopo un rapporto sessuale, e dopo aver avuto contatto con dello sperma? Ebbene, potrebbe trattarsi di un’allergia rara quanto fastidiosa: l’allergia allo sperma.

I sintomi dell’allergia allo sperma

Queste reazioni sono più frequenti nelle donne che negli uomini (anche se questo calcolo potrebbe semplicemente dipendere dalla maggiore incidenza di coppie eterosessuali), e si sviluppano a contatto con il seme maschile, entro un tempo che va da pochi minuti a mezz’ora dopo il rapporto, o comunque l’emissione di seme. I sintomi durano solitamente alcune ore, ma possono arrivare a durare giorni. Gli effetti dell’allergia allo sperma si possono manifestare nell’area vulvare o in altre parti del corpo che vi sono venute a contatto (per esempio la mucosa orale e la pelle). In alcuni casi, si possono avere altre reazioni di tipo allergico in concomitanza, come problemi respiratori, vertigini, sintomi intestinali o addirittura shock anafilattico.

Difficoltà di diagnosi

L’allergia allo sperma può essere sempre presente, o essere scatenata dal seme di un particolare compagno. Raramente si presenta all’improvviso in una relazione già consolidata in cui vi sia stato precedentemente contatto con lo sperma del partner. Dal momento che si tratta di una sindrome rara, a volte viene confusa con altre tipologie di disturbi intimi, con malattie e infezioni trasmesse sessualmente e in generale con ipersensibilità.

Le possibili terapie

Non esiste una vera e propria cura per l’allergia allo sperma, per quanto si possano trattare i sintomi localmente, o semplicemente limitare il rischio grazie all’utilizzo di profilattici. La situazione è più complessa se la coppia desidera avere un figlio: in questo caso si parla di tentare una desensibilizzazione alle proteine allergeniche contenute nello sperma, di trattare il liquido seminale per eliminare queste sostanze o di rivolgersi a specialisti della fecondazione in vitro.

Se pensate di soffrire di allergia allo sperma, possiamo solo consigliarvi di rivolgervi al vostro medico. Condividete questo post per diffondere la conoscenza di questa rara allergia!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *