Parliamo di fisting: conoscete i 6 segreti per farlo bene? Come praticarlo in sicurezza e col massimo piacere

Parliamo di fisting: conoscete i 6 segreti per farlo bene?

Lola Gioco 2 Comments

Parliamo di fisting: conoscete i 6 segreti per farlo bene? Il fisting consiste nella penetrazione con le cinque dita o con l’intera mano. Molte persone associano questa pratica al sesso estremo o a un rapporto violento, ma non è detto che sia così. Consigliamo a voi sperimentatori e sperimentatrici di andarci piano, con pazienza e con mani pulite e unghie ben tagliate. Ecco il manuale infallibile per un perfetto fisting vaginale:

1. Predentevi il tempo che vi serve

Assicuratevi di avere a disposizione molto tempo, più di mezz’ora: la vagina è composta da muscoli molto elastici, che però hanno bisogno di tempo per rilassarsi e allargarsi. Il fisting richiede tempo e delicatezza, altrimenti rischia di diventare solo una pratica inutilmente dolorosa. A proposito: non temete, non c’è alcun pericolo che la vagina rimanga larga dopo la penetrazione!

2. Tanto, tanto lubrificante

Tenetevi accanto il flacone del lubrificante. Lubrificate molto bene la mano della persona attiva e la vagina della persona ricevente. La mucosa vaginale può graffiarsi con facilità durante il fisting e questo darebbe luogo a dolore e infezioni.

3. Andateci piano

Inserite un dito per volta: la maggior parte delle vagine ne accetta un paio senza tendersi eccessivamente. Iniziate dal numero di dita comodo per chi le riceve e procedete da lì. Aiutate l’eccitazione della partner con la masturbazione, il sesso orale, carezze, frasi hot, con tutto quel che può servire.

4. Non dimenticate di comunicare

Se fa male, bisogna dirlo subito per aggiungere lubrificante o cambiare movimento e ritmo, o anche fermarsi e provare di nuovo la prossima volta. Se per voi parlare è eccitante, sarà di incoraggiamento a entrambi.

5. Parliamo di tecnica

Le dita della persona attiva dovrebbero essere accostate il più possibile cercando di formare un cuneo: questo renderà più facile l’inserimento e l’adattamento delle pareti vaginali. Un consiglio: la vagina si tende più facilmente nella parete posteriore, vicino al perineo.

6. Ancora oltre…

Quando le cinque dita saranno in vagina, potete provare a piegare le falangi per arrivare alla penetrazione fino al polso. Dal fatto di piegare le dita viene la parola “fisting”, che significa letteralmente “usare il pugno”. Muovetevi con delicatezza, seguendo le istruzioni della partner per donarle orgasmi intensissimi.

ATTENZIONE! Questa guida è pensata specificatamente per il fisting vaginale. Per il fisting anale le regole sono lievemente diverse e ne parleremo in un altro post. E voi che cosa pensate del fisting, lo provereste?

Comments 2

    1. Post
      Author
      Lola

      Ciao! L’olio di per sé non è un veicolo di malattie. L’importante è avere le mani ben pulite. Ci sentiamo comunque di consigliarvi un lubrificante più adatto alle parti intime perché l’olio può essere male tollerato dalle delicate mucose vaginali, si scalda molto e viene assorbito dalla pelle molto prima del lubrificante… e inoltre non rischia di sporcare le lenzuola! ;) Se preferite comunque l’olio, è più consigliabile uno più delicato come quello di mandorle.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *