Mestruazioni in estate, vecchi miti da dimenticare. Il ciclo può essere vissuto in completa tranquillità anche in vacanza!

Mestruazioni in estate, vecchi miti da dimenticare

Giovanna Benessere 2 Comments

Mestruazioni in estate, vecchi miti da dimenticare (o ricordare con una risata). Sì perché di miti sul ciclo mestruale ne abbiamo sentito tutte parlare, e sicuramente anche molti uomini. Mamme, zie e nonne nel panico ci raccontavano fini terribili per le ragazze che avessero contravvenuto alle regole, amiche che si sussurravano leggende metropolitane accadute alla cugina dell’amica della sorella di… Insomma, ecco i miti sulle mestruazioni in estate da dimenticare o da ricordare solo per farsi due risate.

1. Mestruazioni in estate: fare il bagno blocca il ciclo

Che sia mare o piscina, la leggenda metropolitana vuole che farsi il bagno in mare interrompa il ciclo mestruale: per una giornata secondo alcune voci, per il mese o addirittura per sempre secondo altre. E’ vero che a volte il flusso rallenta quando siamo immerse in acqua, ma se anche dovesse fermarsi non sarebbe che per poche ore. Il flusso mestruale non è sempre costante, aumenta e diminuisce in base alle nostre attività, all’orario e alla fase in cui si trova il ciclo. Niente di cui preoccuparsi!

2. Mestruazioni in estate: Fare il bagno fa venire una congestione (o i crampi)

Bisognerebbe sempre fare attenzione a non immergersi di botto in acqua quando si ha lo stomaco pieno o si è stati al sole per molte ore. Un impatto improvviso con l’acqua fredda potrebbe anche provocare dei crampi. Ma la soluzione è molto semplice: basta immergersi in maniera graduale e nel rispetto di come ci sentiamo.

3. Mestruazioni in estate: Esporsi al sole fa macchiare il volto

Si tratta decisamente di un mito da sfatare: a volte le mestruazioni in estate provocano una sudorazione aumentata, che può irritare la pelle. Ma se avete applicato bene la crema solare, non c’è niente di cui preoccuparsi. Casomai, fate attenzione a eventuali farmaci, alcuni di essi potrebbero effettivamente cambiare la pigmentazione della pelle. Leggete il bugiardino!

4. Mestruazioni in estate: Tamponi vaganti nella cavità addominale

Chi non ha mai sentito le storie di assorbenti interni smarriti nel corpo? I tamponi sono molto comodi per fare il bagno (anche se io preferisco la coppetta), e a volte capita che il cordino si rompa. In questo caso, se le pareti vaginali sono contratte è più difficile tirarlo fuori e rischia di crearsi un circolo vizioso di ansia: sono agitata quindi i muscoli si contraggono involontariamente, quindi il tampone non viene fuori, quindi mi agito ancora di più. La vagina è profonda 12 centimetri, e il forellino in fondo è minuscolo. Nessun rischio di trovarsi il tampone incastrato tra il fegato e le costole!

Quali miti sulle mestruazioni conoscete?

Comments 2

  1. lucia

    Sono esperta in medicina tradizionale cinese. Secondo questa medicina durante il ciclo mestruale non bisognerebbe immergersi in acqua fredda cioé al di sotto dei 37 gradi.Bagnarsi con acqua fredda puó bloccare il libero flusso del sangue, liquidi ed enerdia. Secondo questa medicina il freddo rallenta, congela, blocca provocando dolori addominali e blocco momentaneo del ciclo. Ripeto bagnandosi in acqua che é al di sotto della propria temperatura corporea.
    Sfatiamo il mito non potersi fare la doccia, ma il bagno in mare io…..ci penserei.
    Un saluto.

    1. Lola

      Grazie Lucia per il tuo contributo! Ci sono altri consigli che daresti alle donne durante le mestruazioni?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *