Il preservativo si è rotto? Niente panico, ecco cosa fare: come gestire la situazione con l'aiuto del tuo medico di fiducia

Il preservativo si è rotto? Niente panico, ecco cosa fare

Giovanna Benessere Leave a Comment

Il preservativo si è rotto? Niente panico, ecco cosa fare. I metodi a barriera sono molto importanti proteggersi non soltanto dalle gravidanze, ma anche dalle malattie a trasmissione sessuale. Il preservativo maschile è il più utilizzato (ma vogliamo ricordarvi anche la comodità di quello femminile). Ma se il preservativo si è rotto, che cosa puoi fare?

Come valutare i rischi

Ogni malattia a trasmissione sessuale ha un suo livello di rischio, che può cambiare in base al tipo di rapporto (orale, vaginale o anale), di stato di salute e ad altri aspetti. Le MST si possono trasmettere anche senza che sia avvenuta l’eiaculazione, perciò è sempre il caso di rivolgersi ad un medico se il preservativo si è rotto mentre facevate l’amore. Vi verranno poste domande sulla storia medica di entrambi e sarà il caso di fare delle analisi cliniche, a meno che non conosciate già bene il vostro stato di salute ed eventuali malattie di cui siete portatori, ossia se avete fatto le analisi molto di recente! Non è da escludere nemmeno la gravidanza: il liquido precedente l’eiaculazione potrebbe infatti contenere degli spermatozoi, anche se in concentrazione inferiore rispetto allo sperma.

Niente panico!

Per la molte malattie a trasmissione sessuale, la cura è un ciclo di antibiotici che il medico potrà prescrivere se avrà accertato il contagio (potrebbero volerci alcune settimane). In caso di HIV, se il vostro partner ha una carica virale bassa o azzerata dalle terapie, i rischi di contagio sono molto inferiori alla norma ed è recentemente stata immessa sul mercato una profilassi d’emergenza per i casi in cui il preservativo si è rotto. In questo caso però è cruciale recarsi al pronto soccorso in tempi molto brevi, entro poche ore dal possibile evento di contagio. Se il vostro timore è invece una gravidanza, è possibile richiedere la pillola del giorno dopo al vostro medico, in un consultorio o al pronto soccorso. L’ideale è farlo entro qualche ora, ma si possono aspettare anche un paio di giorni al massimo.

Prevenire è meglio che curare

Bene, il preservativo si è rotto ma siete subito corsi ai ripari, ottimo! Ci sono comunque delle precauzioni che è bene seguire per limitare questo rischio e poter fare l’amore in maniera più serena. Le abbiamo raccolte in questo post: seguitele scrupolosamente e potrete stare molto più tranquilli.

E a voi, è mai successo?

 

Leggi anche: Pillola del giorno dopo: tutto ciò che dovresti sapere

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *