3 curiosità sull'orgasmo che dovreste conoscere: fanno bene e lo sapevano anche nel passato!

3 curiosità sull’orgasmo che dovreste conoscere

Lola Benessere Leave a Comment

3 curiosità sull’orgasmo che dovreste conoscere. Se già essere lettori o lettrici del nostro blog vi ha permesso di scoprire delle nuove informazioni sulla sessualità umana, non lasciatevi sfuggire queste. Oggi parleremo di piacere, un tema caro a tutti, con delle curiosità sull’orgasmo.

1. Qualità o quantità?

Le ricerche mostrano come sia più facile per gli uomini raggiungere l’orgasmo: nelle coppie eterosessuali si calcola che gli uomini abbiano un orgasmo nel 95% dei rapporti, mentre le donne molto meno spesso. La situazione cambia un po’ nelle coppie lesbiche: sembra che donne in relazione con donne siano quelle con maggior frequenza di orgasmi. In compenso però gli studi riportano orgasmi femminili più lunghi: 20-30 secondi rispetto ai 5-10 secondi maschili (tra le nostre curiosità sull’orgasmo, questa potete rivendervela alla prossima cena tra amici).

2. Da svegli o nel sonno

Avete mai avuto curiosità sull’orgasmo che avviene nel sonno? Quelli maschili sono senza dubbio i più visibili perché di solito c’è emissione di sperma, ma in realtà sono vissuti anche dalle donne, spesso in concomitanza con un sogno erotico. Vale lo stesso per le erezioni notturne: sul corpo femminile coinvolgono la clitoride che è un organo erettile come il pene.

3. Orgasmi come terapia medica

Se oggi a prescrivere orgasmi possono essere sessuologi o andrologi (hanno infatti una funzione molto importante per la salute della prostata!), fino a un secolo fa l’isteria era una malattia che compariva nei manuali medici. La principale terapia consisteva nello stimolare i genitali femminili con getti d’acqua o massaggi pelvici effettuati da specialisti che avrebbero dovuto, in teoria, riportare l’utero al suo posto nella cavità addominale. Si riteneva infatti che l’isteria, invece che a sindromi depressive e insoddisfazione sessuale, fosse dovuta a un cambio di posizione di questo organo. Poi qualcuno inventò il vibratore e il resto è storia…

Siete soddisfatti dalle nostre curiosità sull’orgasmo? Non esitate a chiederci più informazioni, le scriveremo per voi!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *