Tradizioni-africane-che-non-ti-aspetti

Tradizioni africane che non ti aspetti: il matrimonio omosessuale

Lola Identità e Orientamento Leave a Comment

Tradizioni africane che non ti aspetti: il matrimonio omosessuale. Nel corso degli ultimi anni, il matrimonio tra persone dello stesso sesso ha trovato il suo spazio di diritto in molte nazioni nel mondo. Anche in Italia, dove rimaniamo sempre indietro, è stata quantomeno approvata una forma di unione civile. Ma nella storia ci sono state delle forme di matrimonio omosessuale che poco hanno a che vedere con le moderne conquiste sociali. Per esempio, oggi vi raccontiamo di un’usanza diffusa in Africa.

Il matrimonio omosessuale in Africa

In diverse zone dell’Africa già prima del periodo del colonialismo due donne potevano sposarsi tra loro e tale usanza esiste ancora tra alcune popolazioni. Si tratta di matrimoni piuttosto diversi dai nostri: in questa forma di matrimonio omosessuale infatti si prevedeva che una delle due donne, solitamente la più anziana, assumesse il ruolo sociale e familiare del marito mentre l’altra donna assumeva quello di moglie. Quindi, ora che ci penso, questo è forse l’unico caso in cui avrebbe senso chiedere chi fa l’uomo e chi la donna. Questo tipo di matrimonio è stato descritto in diversi periodi storici e aree geografiche, come Kenya, Repubblica Sudafricana, Nigeria. Ovviamente ci rendiamo conto che parlare in questo contesto di matrimonio omosessuale è un po’ una forzatura  (anche se si tratta dell’espressione che viene più naturale a noi europei) perché in questo caso si hanno descrizioni e vissuti del genere e dell’orientamento sessuale diverse dalle nostre.

I ruoli dei coniugi: il marito

In genere questo tipo di unione non viene descritta come romantica o sensuale, ma principalmente come un accordo sociale ed economico. Il matrimonio tra due donne che assumono rispettivamente il ruolo di marito e quello di moglie era infatti legato a motivi ereditari e di discendenza. Spesso assumevano il ruolo di marito  e capo della famiglia donne ricche nubili, che non avevano avuto figli, o che avevano avuto solo figlie femmine ma non maschi a cui trasmettere i propri titoli, eredità o proprietà. Parliamo di società molto conservatrici in cui solo i maschi facevano parte delle linee ereditarie o potevano essere eredi di patrimoni o terreni consistenti. In questo caso, la donna che diventava il marito poteva trovare una sposa più giovane in grado di avere i desiderati figli maschi dall’unione con un altro uomo. Il padre dei figli rimaneva però il marito di sesso femminile, sia a livello legale che sociale ed economico. E’ quindi comprensibile per quale motivo una donna, in società molto tradizionaliste e conservatrici, potesse voler assumere un ruolo maschile per poter avere la gestione della famiglia e un riconoscimento sociale, oltre che degli eredi laddove altrimenti sarebbe stato impossibile

… e la moglie

Ma perché quindi una donna giovane avrebbe dovuto scegliere un marito donna, a parità del ruolo che ella stessa avrebbe assunto? Ovviamente è possibile che alcune coppie avessero lo stesso desiderio di coppie che in Europa si uniscono in un matrimonio omosessuale. Ma sono presenti anche altri benefici magari meno immediati per la nostra visione del mondo. Tanto per cominciare, questa unione avrebbe garantito a una donna una maggiore libertà sessuale e la possibilità di scegliere i partner con cui avere dei figli (o di partecipare alla scelta, in alcuni casi). I mariti di sesso femminile inoltre avevano più urgenza di sposarsi perché erano di solito persone già adulte senza eredi. Per questo avrebbero garantito alle spose condizioni di vita migliori e maggiore agio economico (d’altronde parliamo di persone con un patrimonio da trasmettere). Per queste ragioni e altre legate ai ruoli sociali, si considera che il rischio di subire abusi fosse minore in un matrimonio tra due donne, per quanto sempre di un genere che rientra in dinamiche di ineguaglianza tra i generi, anche solo sociali, e che ha contribuito anzi a rinforzarle.

Conoscevate questo tipo di matrimonio? Ci sono altre forme di matrimonio omosessuale di cui vorreste sentir parlare? Fatecelo sapere!

 

 

Leggi anche: In Cina: i Mosuo e il matrimonio itinerante

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *